* Login   * Register


Last visit was:
It is currently Mon Feb 19, 2018 3:41 am
View unanswered posts
View active topics





Post new topic Reply to topic  [ 14 posts ]  Go to page 1, 2  Next
Author Message
 Post subject: G 8 a L'aquila!
PostPosted: Thu Apr 23, 2009 6:13 pm 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
forse berlus co(GLIO)ni ha detto una cosa giusta in tutta la sua vita (politica, perchè della sua personale non me ne frega niente!)

«Il G8 di luglio lo terremo a L'Aquila»
Via libera da Usa e Gran Bretagna
Berlusconi al Consiglio dei ministri in Abruzzo: così risparmiamo 220 milioni; 8 miliardi per la ricostruzione

L'AQUILA - La prossima riunione del G8, programmata a luglio nell'isola sarda della Maddalena, sarà spostata a L'Aquila. La decisione è stata presa dal Consiglio dei ministri che si è svolto in via eccezionale nel capoluogo abruzzese. Il premier, Silvio Berlusconi, ha motivato questa decisione con il fatto che in questo modo si risparmierebbero denaro e risorse che potrebbero essere utilizzati per la ricostruzione. Inoltre, ha aggiunto Berlusconi, si porterebbe l'Abruzzo al centro dell'attenzione mondiale. Il governo italiano contatterà ora gli altri Paesi partecipanti per valutare la loro disponibilità. Usa e Gran Bretagna avrebbero già fatto sapere di essere d'accordo. «Noi abbiamo profonda solidarietà per il popolo italiano a seguito dei tragici eventi dell'Aquila - dice in una dichiarazione all'Adnkronos un portavoce di Downing Street, Lynn Eccles - e siamo ovviamente pronti ad aiutare l'Italia in ogni modo possibile. Le decisioni sulla sede del summit del G8 spettano al governo italiano».

DENARO - L'utilizzo del complesso monumentale della Maddalena che avrebbe dovuto ospitare la riunione dei leader, ha detto il premier, avrebbe comportato un costo di 220 milioni di euro; soldi che potranno essere risparmiati utilizzando invece la scuola della Guardia di Finanza di Coppitto che, anche per le proprie caratteristiche, si presterebbe ad ospitare il vertice.

«QUI I NO GLOBAL NON VERRANNO» - «Chiedo scusa al presidente della regione Sardegna, che non abbiamo avuto modo di avvisare - ha detto Berlusconi -, ma posso già dire che l'isola potrà ospitare in autunno un summit sull'ambiente per cui sto avendo contatti con il presidente americano Barack Obama. Del resto - ha poi aggiunto - la Maddalena e il contesto più lussuoso in cui la riunione si sarebbe svolta sarebbe stato meno consono con il periodo di crisi che l'economia mondiale sta vivendo». Quanto alla sicurezza dei leader, il presidente del Consiglio ha spiegato che ci sono tutte le condizioni per garantirla e che probabilmente «non credo che i no global avranno la faccia di venire in questi luoghi ad organizzare manifestazioni dure come quelle a cui siamo stati abituati in passato». Poco più tardi proprio il presidente della giunta regionale sarda, Ugo Cappellacci, ha commentato la decisione dicendo che la Sardegna è pronta a fare al sua parte , ma «credo che ci siano altri problemi di natura tecnica e organizzativa che non possono consentire lo spostamento del summit in termini operativi». «Se vi saranno poi soluzioni intermedie per raggiungere l'uno e l'altro obiettivo - ha detto Cappellacci - saremo tutti orgogliosi di poter contribuire al risultato finale». L'annunio di Berlusconi, ha aggiunto Cappellacci «è un fatto improvviso, importante e inopinato» e per questo il presidente della Regione ha annunciato che venerdì mattina sarà a Roma per un incontro con il premier.

STANZIAMENTI E RICOSTRUZIONE - Il Consiglio dei ministri, durato due ore, ha anche dato via libera al decreto legge per stanziare le risorse in favore delle zone terremotate dell'Abruzzo. Il provvedimento mette a disposizione un totale di otto miliardi di euro, di cui 1,5 per fronteggiare l'emergenza e 6,5 miliardi per la ricostruzione. A questo proposito, il capo del governo ha spiegato che «sono state individuate 15 aree dove intervenire con piastre di cemento armato capaci di sopportare scosse sismiche: su queste piastre saranno edificate case sicure, con verde e alberi». Il testo varato dal Cdm prevede anche che le donazioni che verranno fatte da imprese e privati a favore degli interventi post-terremoto siano deducibili dalle tasse. E' stato specificato però che le erogazioni liberali scontabili sono quelle fatte «per il tramite della Presidenza del Consiglio dei ministri-Dipartimento protezione civile ovvero da altri enti appositamente individuati». Non solo: gli studenti universitari saranno esonerati dal pagamento delle tasse per il periodo 2009-2010. «Per la prima volta si affronta un evento del genere senza aumentare la pressione fiscale - ha detto il premier commentando i provvedimenti adottati -. Gli otto miliardi saranno recuperati con spostamenti di spese, riduzione di sprechi e rimodulazione degli stanziamenti». Berlusconi ha poi annunciato di avere stilato una lista di 44 tra chiese e beni artistici e architettonici che saranno ricostruiti e restaurati con l'aiuto dei Paesi esteri che hanno dato la propria disponibilità ad aiutare l'Italia nella ricostruzione.

I CONTRIBUTI AI PRIVATI -Il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, ha poi spiegato che il decreto prevede lo stanziamento di 150.000 euro per chi vorrà ricostruirsi da sè la casa distrutta e 80.000 euro per chi invece ha una casa solo danneggiata. «Prevediamo - ha detto - 500 milioni di euro, e la domanda è per 700, per interventi per le abitazioni private. Ci sarà un conto corrente gratuito per 150.000 euro disponibili per ciascuno per la ricostruzione della casa». Nella gestione di questi fondi ci saranno Fintecna, Cassa Depositi e Prestiti e banche. «Puoi farti la casa come vuoi e può essere la ricostruzione della casa colpita o una casa nuova da un'altra parte», ha aggiunto il premier Silvio Berlusconi. «La tua casa te la metti a posto tu, sei il direttore dei lavori, sei tu che sei padrone del tuo destino. Io non credo al fatto che siano tutti mafiosi fino a prova contraria. Non credo alle attività criminali di un piastrellista che sistema una unifamiliare in Abruzzo. Se la casa non è distrutta ma solo danneggiata il contributo sarà di 80.000 euro», ha detto inoltre Tremonti, che ha poi spiegato che non verrà utilizzata la leva del 5 per mille per reperire le risorse: «Quando ho fatto l'ipotesi del 5 per mille - ha spiegato - non era per togliere al volontariato ma per aggiungere qualcosa per l'Abruzzo. La scelta successiva è stata quella di rinunciare a questa misura perchè la vena polemica radicalizza tutto. Se alla fine ci potevano essere più soldi e ce ne saranno meno si ringrazino i polemici della politica». Tremonti ha infine annunciato che è stata avanzata a Bruxelles la richiesta di fare dell'area terremotata una «zona franca urbana» esente da tributi.

PERPLESSITA' NEL GOVERNO - L'idea di tenere il G8 all'Aquila era stata avanzata dal premier Silvio Berlusconi già nei giorni scorsi. L'idea però avrebbe sollevato diverse perplessità nello stesso governo in quanto ci sarebbero da risolvere una serie di problemi di tipo logistico ma anche di sicurezza. Già in passato il premier aveva ventilato la possibilità di cambiare la sede della riunione degli otto grandi: fu quando, con Napoli sommersa dai rifiuti, annunciò che sarebbe stata una buona idea - una volta usciti dall'emergenza - tenere almeno una delle riunioni nel capoluogo partenopeo, facendo arrivare gli otto leader con una nave. Questa volta però lo spostamento sembra avere più probabilità di essere effettuato. Resta solo da attendere il parere dei Paesi ospiti, che tuttavia difficilmente vorranno oppore un veto.

«SAREBBE UN'OCCASIONE» - L'ipotesi di organizzare il G8 nella regione colpita dal sisma incontra il favore della Provincia de l'Aquila, la cui presidente, Stefania Pezzopane, ha così commentato: «Sarebbe sicuramente una grandissima occasione per L'Aquila che vive una situazione difficile. Certo dal punto di vista organizzativo ci sarebbero tantissimi problemi da affrontare ma sarebbe un gesto di generosità per la nostra città martoriata». «Avere il g8 a L'Aquila - ha aggiunto - sarebbe un'occasione per essere al centro del mondo e avere i più importanti leader della politica mondiale. Potrebbe essere molto importante anche per la ricostruzione».

«SAREMO IN TUTA DA LAVORO» - «Se ne parla da 5-6 giorni» ha ammesso poi il sindaco del capoluogo, Massimo Cialente. «La città - ha aggiunto - potrebbe essere pronta per quanto possibile dopo un terremoto come quello che abbiamo subito : ci piacerebbe essere vestiti a festa, ma ci troveranno con la tuta da lavoro...». In ogni caso, per Cialente «sarebbe un'occasione per mostrare ai grandi della Terra lo stato del nostro patrimonio artistico colpito dal sisma e cercare di far adottare per la ricostruzione i monumenti colpiti».

«NON SI OSTACOLI RICOSTRUZIONE» - Dal Pd non ci sono barricate alla decisione di spostare il vertice del G8. «Capisco che la scelta è molto simbolica, e capisco anche che contribuirebbe a tenere accesa l'attenzione sull'Abruzzo - ha detto il segretario del Pd, Dario Franceschini - Tuttavia, spero che il governo tenga conto che questa decisione non deve intralciare l’esigenza primaria della ricostruzione». «Se i fondi messi a disposizione dal governo per la ricostruzione sono soldi veri e non carta elettorale - ha detto invece il leader dell'Idv, Antonio Di Pietro -, sono benvenuti. Noi dell'Italia dei Valori eserciteremo al meglio il nostro compito affinchè siano spesi bene, senza sprechi, senza approfittamenti e senza nepotismi. Finora, ogni volta che il governo ha promesso lo stanziamento di fondi, ora per le infrastrutture, ora per gli ammortizzatori sociali, si trattato sempre di una mera partita di giro, di un gioco delle tre carte, di soldi presi da una parte e messi da un'altra». Totale chiusura invece da Sinistra e Libertà: «Spostare il G8 in Abruzzo è irresponsabile - ha detto Paolo Cento -. Non va fatto nè alla Maddalena nè nelle terre martoriate dal terremoto: piuttosto il governo pensi a investire i 400 milioni di euro che servono per il summit (Cento e Berlusconi citano due cifre differenti, ndr) nella ricostruzione delle città colpite dal sisma».


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: G 8 a L'aquila!
PostPosted: Fri Apr 24, 2009 6:47 am 
Offline
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 6:31 pm
Posts: 144
Già....Lui ora, sta facendo questo. E' vero, tutti i risparmi saranno dati alla popolazione dell'abruzzo e mi sta bene, ma io non dimentico che c'è gente, nel sud Italia che vive ancora da terremotato e non ha nessun aiuto dallo stato!!!


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: G 8 a L'aquila!
PostPosted: Fri Apr 24, 2009 8:32 am 
Offline

Joined: Wed Mar 04, 2009 12:03 pm
Posts: 42
bastrebbe fare un'unica giornata di votazioni per risparmiare 400 milioni!


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: G 8 a L'aquila!
PostPosted: Fri Apr 24, 2009 9:51 am 
Offline

Joined: Fri Feb 20, 2009 4:02 pm
Posts: 44
OSCURAPRESENZA wrote:
bastrebbe fare un'unica giornata di votazioni per risparmiare 400 milioni!


basterebbe che i politici guidassere le lorom auto e portassero le loro borse.....
che guidassero fiat punto e non macchinoni come auto blu.....
basterebbe poco da parte di tutti, per migliorare l'italia!

Secondo me è tutto un movimento fatto per buscarsi i voti dell'abbruzzo!


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: G 8 a L'aquila!
PostPosted: Fri Apr 24, 2009 9:54 am 
Offline

Joined: Wed Mar 04, 2009 12:03 pm
Posts: 42
pretendi troppo! :D


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: G 8 a L'aquila!
PostPosted: Fri Apr 24, 2009 12:31 pm 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
nuf wrote:
OSCURAPRESENZA wrote:
bastrebbe fare un'unica giornata di votazioni per risparmiare 400 milioni!


basterebbe che i politici guidassere le lorom auto e portassero le loro borse.....
che guidassero fiat punto e non macchinoni come auto blu.....
basterebbe poco da parte di tutti, per migliorare l'italia!

Secondo me è tutto un movimento fatto per buscarsi i voti dell'abbruzzo!


quoto la prima parte.
sulla seconda non so, voti in abbruzzo o sardegna siamo sulla stessa barca.

i tagli per evitare sprechi sarebbero cosi- tanti che [ impossibile farne un elenco.

forse anche i cittadini comuni potrebbero aiutare il paese volendolo, con meno truffe, pagamento di tasse e comportamenti da "io sono il + furbo perchè fotto lo stato" non sapendo che lo stato sono tutti.


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: G 8 a L'aquila!
PostPosted: Fri Apr 24, 2009 4:08 pm 
Offline

Joined: Fri Feb 20, 2009 4:02 pm
Posts: 44
pedro1974 wrote:
nuf wrote:
OSCURAPRESENZA wrote:
bastrebbe fare un'unica giornata di votazioni per risparmiare 400 milioni!


basterebbe che i politici guidassere le lorom auto e portassero le loro borse.....
che guidassero fiat punto e non macchinoni come auto blu.....
basterebbe poco da parte di tutti, per migliorare l'italia!

Secondo me è tutto un movimento fatto per buscarsi i voti dell'abbruzzo!


quoto la prima parte.
sulla seconda non so, voti in abbruzzo o sardegna siamo sulla stessa barca.

è più facile guadagnarseli su chi adesso non ha nulla e qualsiasi cosa gli dai, gli sembra essere TUTTO....o da chi ha già qualcosa e per darti i voti devi davvero dargli qualcosa?

pedro1974 wrote:
i tagli per evitare sprechi sarebbero cosi- tanti che [ impossibile farne un elenco.

forse anche i cittadini comuni potrebbero aiutare il paese volendolo, con meno truffe, pagamento di tasse e comportamenti da "io sono il + furbo perchè fotto lo stato" non sapendo che lo stato sono tutti.


il mio TUTTI era riferito a TUTTI, compreso me!


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: G 8 a L'aquila!
PostPosted: Sat Apr 25, 2009 9:24 pm 
Offline

Joined: Fri Feb 20, 2009 11:37 am
Posts: 72
Ho saputo di questa notizia...
Non mi meraviglia questa idea.
Berlusca è un ottimo comunicatore...Sa approfittare delle situazioni.
Ha scelto l'Abruzzo perchè sa di fare una scelta populistica...Il popolo è facilmente abbindolabile...Sono sicuro che se non fosse stato per il G8 il Berlusca avrebbe fatto spostare il Festival di Sanremo a L'Aquila...
Sa che eventuali proteste verranno mal viste dalla popolazione...Le forze dell'ordine saranno facilitate...
Insomma un volpino...


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: G 8 a L'aquila!
PostPosted: Sun Apr 26, 2009 8:05 am 
Offline
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 6:31 pm
Posts: 144
Ottone_degli_Ulivi wrote:
Insomma un volpino...


già..... :!:


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: G 8 a L'aquila!
PostPosted: Tue Apr 28, 2009 12:16 pm 
Offline

Joined: Sun Mar 08, 2009 4:34 pm
Posts: 72
---------
l'aquila sarà peggio della sardegna.

i collegamenti sono migliori, centro d'italia, facilitati i greci e l'est con attracco ad ancona, pescara e puglia.

l'esercito è già presente, ma anche stanco..

la stampa e i media saranno ospitati in tende, quindi sarà presente la metà di quelli che sarebbe andati nei lussuosi yacht della maddalena, ergo....lo scontro è voluto e preparato, proprio perchè con pochi occhi di "testimonianza".

la popolazione contro i no global?

non credo, è in atto da mesi un centro di ritrovo nazionale da parte di tutti i centri sociali e reti e circuiti underground, il popolo sà chi sta aiutando veramente e chi no.

il popolo è stanco e se vedrà altro schifo...appoggerà e non ostacolerà.

il territorio presenta buchi di intercettamenti, saltate linee telefoniche, tim, computer, satelliti...è tutto da ricostruire, e quindi difficile da controllare al momento.

si...è un volpino, ma questa volta...si brucerà.

p.s.

come avrete notato 2 eventi negli ultim i gg.

"film shooting silvio", creato ad hoc da loro, da mediaset, un tentativo di teatrino, prima cenusrato da sky, poi riammesso, ed ora già in circolazione su emule, youtube e in vendita.
il premier ne esce come un eroe, che viene assassinato, a testa in giù come il duce, con nel finale un discorso patetico e di vittimismo.

obiettivo è che lo scoop prenda piede e il popolo lo guardi ancora di più per il dopo-censura.

il regista è un giovane abruzzese....cosa dobbiamo aggiungere??

bene o male..purchè se ne parli, ma stavolta ancora una volta, per il volpino non andrà bene come vorrebbe lui.

secondo evento è il virus suino.

come da tempo si diceva, farmaceutiche, laboratori creano virus per poi espanderli e creare cataclismi sociali, paura, crollo di finanze.

il messico deve fallire il pesos deve collassare, per poi reprimere le varie rivolte, con la repressione e legge marziale già pronta nel cassetto.

a seguire toccherà a usa e canda.

obiettivo finale, crollo delle monete e arrivo dell'AMERO, che sostituirà le 3 monete, creando uno stato unitario stati uniti d'america del nord.

i debiti del dollaro, delle borse, delle guerre verranno resettati, la crisi uamenterà e la repressione militare e polizia culminerà nel nuovo ordine mondiale.

se si riesce a fare questi passaggi e unire i puntini, il gioco è fatto.

basta capire i loro movimenti diabolici, le trappole e tattiche e trovare facilmente le contro misure.

a presto ragazzi....ci vediamo a roma e a aquila...buon divertimento!


Top
 Profile E-mail  
 
Display posts from previous:  Sort by  
Post new topic Reply to topic  [ 14 posts ]  Go to page 1, 2  Next


Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 0 guests


You cannot post new topics in this forum
You cannot reply to topics in this forum
You cannot edit your posts in this forum
You cannot delete your posts in this forum
You cannot post attachments in this forum

Search for:
Jump to:  
cron

Free Forum · php-BB© · Internationalization Project · Report abuse · Terms Of Use/Privacy Policy
© Forums-Free.com 2009