* Login   * Register


Last visit was:
It is currently Thu Feb 22, 2018 12:32 pm
View unanswered posts
View active topics





Post new topic Reply to topic  [ 2 posts ] 
Author Message
 Post subject: pirati della rete
PostPosted: Sun Apr 19, 2009 10:00 am 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
forse saprete che i gestori del sito "thepiratebay" sono stati condattati dal tribunale scandinavo ad un anno e mezzo di carcere più danni economici da restituire alle "povere" case discografiche e cinematografiche, che fanno pagare appena 25/30€ per un cd o un dvd di un film.

robin hood non ha insegnato niente?

rubare ai ricchi sfruttatori non è reato!

la rete è libera!

cosa ne pensate?


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: pirati della rete
PostPosted: Sun Apr 19, 2009 10:05 am 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
---------
premetto che non avendo una connessione che me lo permette non ho mai scaricato niente dalla rete.

ho chiesto ad amici di farlo per me, avrò visto una decina di film "piratati" ed ho un lettore mp3 di musica con una ventina di canzoni scaricate, il resto le ho trasformate dai miei cd ORIGINALI, che ho DOVUTO pagare diverse decine di €.

ora, a distanza di anni, qualche casa discografica ammette che i rpezzi dei cd potrebbero aggirarsi sui 7€...mentre per il passato (e chissà se mai abbasseranno i prezzi)?

massima solidarietà a chi scarica dalla rete e fotte questi ladri legalizzati!

vecchie new in merito:

le autorità italiane definite «fascist» sulla home page dei "pirati"
P2p, l'Italia censura il sito Pirate Bay
Ma i pirati si attrezzano: ostacolo aggirato
Uno degli indirizzi più celebri per scaricare musica, software e film, ha circa 20 milioni di utenti al mese

BERGAMO - È il vecchio "Guardie e ladri" nell’era di internet, parla di siti che vengono oscurati dagli organismi di polizia e riaperti in quattro e quattr’otto dai funamboli della rete. Questa volta il gioco a rimpiattino riguarda uno dei luoghi più frequentati di internet, il sito svedese "Pirate bay", dove milioni di utenti scaricano file musicali, film, videogiochi. La Guardia di Finanza di Bergamo ha bloccato dall’Italia l’accesso a "Pirate bay", ma la ciurma si è subito attrezzata, aprendo immediatamente un sito "gemello" che di fatto rende ancora accessibile il tesoro multimediale svedese.

L'INDAGINE - La polizia tributaria ha inibito l’accesso a Pirate bay definito da un provvedimento del gip del tribunale di Bergamo «il più celebre e vasto supermercato mondiale del falso multimediale in rete». Il provvedimento, esteso a tutti i provider italiani, mira a impedire lo scambio di file contenenti opere coperte dal diritto d’autore e che fanno venir meno introiti per l’Erario. La procura di Bergamo ha anche iscritto 4 persone svedesi, gestori del sito, al registro degli indagati.

IL SITO - Dal 2004 a oggi Pirate bay è divenuto uno dei siti più popolari dove attingere dal web musica, software e intrattenimento. Un motore interno permette di individuare i file ".torrent" (uno dei sistemi più usati per il P2p, ovvero lo scambio di file da pc a pc) messi a disposizione dagli utenti stessi. Pirate bay compare attualmente tra i primi 100 siti più visitati al mondo, con circa 20 milioni di utenti al mese. Dall’Italia i click sono 450 mila, pari al 2% del mercato complessivo. I contenuti del sito svedese sono tradotti in 13 lingue. Una delle fonti di guadagno dei gestori è anche costituita dalla massiccia presenza di banner pubblicitari.

LA CONTROMOSSA - Le autorità svedesi hanno ricevuto molte pressioni volte a oscurare le pagine “pirata” ma ogni tentativo di arginarne l’attività si è rivelato un fiasco. Stoccolma è stata addirittura teatro di una protesta di piazza da parte degli utenti, che considerano antidemocratico l’oscuramento del sito. Per quanto riguarda l’accesso dall’Italia, è stato aperto un nuovo “passaggio a nord ovest” informatico, attraverso l’indirizzo labaia.org. Qui, oltre a dare istruzioni ai navigatori italiani su come continuare a scaricare il materiale, ci sono anche una serie di commenti dove le autorità italiane vengono definite «fascist» per il loro tentativo di bloccare la fonte dei file pirata.


Top
 Profile E-mail  
 
Display posts from previous:  Sort by  
Post new topic Reply to topic  [ 2 posts ] 


Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 0 guests


You cannot post new topics in this forum
You cannot reply to topics in this forum
You cannot edit your posts in this forum
You cannot delete your posts in this forum
You cannot post attachments in this forum

Search for:
Jump to:  
cron

Make Forum · php-BB© · Internationalization Project · Report abuse · Terms Of Use/Privacy Policy
© Forums-Free.com 2009