* Login   * Register


Last visit was:
It is currently Sun Feb 25, 2018 11:25 pm
View unanswered posts
View active topics





Post new topic Reply to topic  [ 14 posts ]  Go to page 1, 2  Next
Author Message
 Post subject: protest...dissident...against the system!
PostPosted: Fri Mar 13, 2009 8:50 am 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
lets post here all the news related...

--------------

inseriamo qui tutte le notizie su proteste, manifestazioni...


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest...dissident...against the system!
PostPosted: Fri Mar 13, 2009 8:51 am 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
russia
Bruciano foto di Medvedev Venti arresti a Mosca

Image



Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest...dissident...against the system!
PostPosted: Sun Mar 15, 2009 12:21 pm 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
pakistan...

Image

Image

Image



ah...peró!!!!

Image


Image


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest...dissident...against the system!
PostPosted: Sat Apr 04, 2009 11:00 am 
Offline

Joined: Sun Mar 08, 2009 4:34 pm
Posts: 72
italy

protesta e manifestazione anti-crisi a roma centro (campidoglio), per il diritto alla casa, salari bassi, sfratti
protest against cris, in rome centre (campidoglio),for house's right, less salary, poor-life.





Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest...dissident...against the system!
PostPosted: Sat Apr 04, 2009 4:07 pm 
Offline
User avatar

Joined: Fri Feb 20, 2009 11:53 am
Posts: 43


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest...dissident...against the system!
PostPosted: Sun Apr 12, 2009 3:31 pm 
Offline

Joined: Sun Mar 08, 2009 4:34 pm
Posts: 72
Quote:
La notizia (reperibile su ) è vecchia di quasi due mesi, ma è venuta alla luce solo in questi giorni: il 25 Febbraio scorso, alla Olimpias (gruppo Benetton) di Piobesi Torinese, durante un’esasperante, e fino a quel momento inutile, trattativa fra i sindacati e l’azienda, i 143 operai indicono uno sciopero spontaneo e, in seguito all’ennesima chiusura dell’Unione Industriali, mettono sotto assedio il direttore del personale e il suo staff.

Alla fine solo grazie all’intervento dei carabinieri il direttore riesce a fuggire attraverso un’uscita secondaria.

E così anche in Italia arriva l’influsso dei cugini francesi che nell’ultimo mese si sono resi protagonisti di più di un caso di “sequestro” nei confronti di manager e dirigenti d’azienda; il caso più eclatante è stato quello di Francois Pinault, imprenditore multimiliardario, nonché 34esimo uomo più ricco al mondo, “sequestrato” dai dipendenti della sua azienda per diverse ore.

E nonostante gli appelli di Sarkozy a rispettare la “legalità” solo ieri si sono registrati altri due casi di questo genere in Francia e uno nel vicino Belgio, che ha visto coinvolti tre manager della Fiat.

L’ennesimo segnale di come questa crisi economica stia minando le basi del sistema economico e sociale occidentale, colpendo in maniera sempre più pesante i lavoratori e le classe meno abbienti.

In Italia il malcontento fino a questo momento è stato controllato principalmente da due fattori: da una parte l’indiscutibile potenza mediatica di Berlusconi che, per quanto non perda occasione per scagliarsi contro il mondo dell’informazione, è probabilmente l’unico leader occidentale che può permettersi di raccontare che dalla crisi si esce con l’ottimismo e la “social card”, dall’altra la capacità della Cgil di funzionare da catalizzatore della protesta, come dimostra anche l’imponente manifestazione di sabato scorso.

In ogni modo è difficile capire per quanto la situazione italiana potrà rimanere così relativamente calma; basti pensare al fatto che anche in Francia i sindacati stanno lottando al fianco dei lavoratori e hanno già convocato per due volte, con ottimi risultati, lo sciopero generale, ma questo non è servito a evitare che l’esasperazione dei lavoratori portasse a un’escalation del livello di tensione.

L’unica cosa certa è che la “rivolta” dei lavoratori e delle lavoratrici da una parte, degli studenti, dei precari e degli “anti-G8/G20” dall’altra sta assumendo caratteri sempre più preoccupanti. E’ preoccupante che tutti i vari movimenti sviluppatisi in Europa siano incapaci di collegarsi fra loro e che, all’interno delle stesse realtà territoriali, non riescano a collaborare nemmeno i diversi gruppi sociali che pure lottano per lo stesso obiettivo di costruzione di una società alternativa.

Inoltre si fa sempre più pesante l’assenza a livello politico (e in particolar modo mediatico) di un’organizzazione che sia in grado di rappresentare le istanze dei ceti sociali che stanno lottando per sopravvivere e per uscire dalla crisi con un miglioramento del livello di giustizia sociale.

L’insieme di questi fattori rischia di provocare nei soggetti maggiormente sottoposti agli effetti della crisi una sensazione di solitudine, politica e umana, che porta a reazioni violente e disorganizzate; quello che, in pratica, già è successo in Grecia con quotidiani attacchi armati a banche, sedi di partito, stazioni di polizia che, come anche la storia del nostro Paese dovrebbe insegnare, servono solo a logorare il movimento e a giustificare una repressione sempre più violenta.

Proprio per questo oggi il compito di qualsiasi organizzazione, partitica e non, che abbia a cuore le sorti dei lavoratori, dei giovani, dei precari, dei disoccupati, degli studenti e che voglia rendere possibile il tentativo di costruire un’alternativa economica e sociale al capitalismo occidentale, dovrebbe essere quello di ricostruire i rapporti di solidarietà e di collaborazione fra i vari pezzi della “rivolta” che non possono essere lasciati da soli.



Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest...dissident...against the system!
PostPosted: Fri Apr 17, 2009 12:11 pm 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
Rifiuti high tech, Greenpeace contro la Prestigiacomo: deve intervenire
Solo il 20 per cento dei centri di raccolta e smaltimento




Image


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest...dissident...against the system!
PostPosted: Thu Apr 30, 2009 8:14 pm 
Offline

Joined: Sun Mar 08, 2009 4:34 pm
Posts: 72
Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest...dissident...against the system!
PostPosted: Fri May 01, 2009 7:53 am 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
speriamo qualche utente del forum ci racconti l'atmosfera che troverà in germania in questi giorni... :?

per quanto mi riguarda, primo maggio da lavoratore a lavoro...

AUGURI A CHI LAVORA!

ps: non perchè lavorare sia bello, ma perchè ho l'idea (l'illusione?)che un lavoratore dovrebbe provare solidarietà e cooperazione verso un suo simile.
mi piace immaginarci tutti sulla stessa barca, noi salariati da un padrone che utilizza la nostra forza (fisica o intellettiva) per arricchirsi, noi che (chi piu' fortunato chi meno, chi piu' avvantaggiato chi meno, chi piu' sfruttato chi meno...) ci alziamo ogni mattina per fare il nostro dovere, non per devozione verso chi ci paga ma per dignità personale, per tenere allenato il cervello o le braccia, in attesa di quella scintilla, quell'attimo di pazzia collettiva, di coraggio che ci dia la volontà di alzarci in piedi, insieme, UNITI, a testa alta, per rovesciare le scrivanie, per abbandonare il cantiere, lanciare all'aria i badili ed i martelli e riprenderci la collettività, la democrazia, la giustizia...RIPRENDERCI LA VITA e la LIBERTA'!!!

UNITI!


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest...dissident...against the system!
PostPosted: Fri May 01, 2009 10:00 am 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
---------
pedro1974 wrote:
speriamo qualche utente del forum ci racconti l'atmosfera che troverà in germania in questi giorni... :?



precedo...W il primo maggio!!!!

Primo maggio, scontri a Berlino e Istanbul
Tafferugli anche ad Amburgo. Nella capitale tedesca lanci di bottiglie contro la polizia, 29 agenti feriti

BOTTIGLIE SUGLI AGENTI - Nella capitale tedesca gli scontri si sono scatenati a margine di una festa di strada nel quartiere orientale di Friedrichshain. I manifestanti hanno scandito slogan anti-capitalismo e hanno dato vita ad un lancio di bottiglie e di pietre contro la polizia: il bilancio è stato di 29 agenti feriti e 12 persone fermate.


ALTA TENSIONE A ISTANBUL - Non meno preoccupate le autorità turche. La polizia ha disperso e caricato in mattinata un primo gruppo di manifestanti che stava cercando di dirigersi verso piazza Taksim. E tutto lascia pensare a una giornata di scontri e semi-guerriglia urbana, come ormai avviene regolamente almeno da tre anni. I sindacati, infatti, chiedono di manifestare a Taksim, la piazza centrale di Istanbul in cui nel 1977 persero la vita 36 persone. La prefettura e il governo negano puntualmente l’autorizzazione adducendo motivi di ordine pubblico. «Ci aspettiamo un atto di buon senso da parte delle sigle sindacali», ha detto giovedì il prefetto Guler. Le autorità si sono dette disposte solo a concedere l'accesso ad una delegazione di non più di 2 mila persone a cui sarà concesso di deporre corone di fiori per i caduti. Il problema, però, sono le oltre 70 sigle fra sindacati minori e associazioni che domani marceranno sulla piazza a ogni costo e senza compromessi. «Torneremo a Taksim perché vogliamo celebrare il Primo Maggio in modo degno e perché vogliamo farlo da popolo libero» hanno dichiarato alcuni sindacati indipendenti. Dalle 5.30 del mattino la città è quindi completamente bloccata e il comprensorio di Taksim transennato. Le principali sigle sindacali temono che la manifestazione possa avere lo stesso epilogo dell’anno scorso e di due anni fa, quando migliaia di manifestanti furono sgomberati a suon di manganelli, lacrimogeni e idranti da una polizia inferocita. Di mezzo ci andarono anche un centinaio di giornalisti, che furono percossi dalle forze dell’ordine, riportando in qualche caso ingenti danni anche alle apparecchiature tecniche. L’anno scorso a Sisli, un quartiere del centro di Istanbul, la polizia è arrivata a caricare i manifestanti fino alle porte di un ospedale. Il Primo Maggio quest’anno arriva in una Turchia sconvolta dalle indagini sull’organizzazione segreta Ergenekon, accusata di aver destabilizzato la vita politica turca almeno negli 11 anni e che potrebbe essere anche causa dei morti a Taksim. Le indagini si stanno allargando a macchia d’olio, coinvolgendo anche tanti esponenti curdi e di estrema sinistra.


Top
 Profile E-mail  
 
Display posts from previous:  Sort by  
Post new topic Reply to topic  [ 14 posts ]  Go to page 1, 2  Next


Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 0 guests


You cannot post new topics in this forum
You cannot reply to topics in this forum
You cannot edit your posts in this forum
You cannot delete your posts in this forum
You cannot post attachments in this forum

Search for:
Jump to:  
cron

Create Forum · php-BB© · Internationalization Project · Report abuse · Terms Of Use/Privacy Policy
© Forums-Free.com 2009