* Login   * Register


Last visit was:
It is currently Tue Aug 21, 2018 4:51 am
View unanswered posts
View active topics





Post new topic Reply to topic  [ 9 posts ] 
Author Message
 Post subject: protest!
PostPosted: Fri Mar 06, 2009 11:44 am 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
great!!!



Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest!
PostPosted: Fri Mar 06, 2009 3:47 pm 
Offline

Joined: Tue Feb 24, 2009 8:04 pm
Posts: 64
Location: Lago di Constanza
chi è il politico ?


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest!
PostPosted: Fri Mar 06, 2009 3:51 pm 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
Furio+Drencrom wrote:
chi è il politico ?


uk, mandelscon


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest!
PostPosted: Sun Mar 08, 2009 4:37 pm 
Offline

Joined: Sun Mar 08, 2009 4:34 pm
Posts: 72


slaves...slaves...slaves


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest!
PostPosted: Sun Mar 15, 2009 3:52 pm 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
questa vuol dire COERENZA!

Da 28 anni, ogni mattina, fa la stessa cosa: ripiega la sua tenda di fortuna e si piazza davanti ai cancelli della Casa Bianca per protestare contro il nucleare e la guerra. Il record appartiene a Concepcion Picciotto, una donna che vive a Washington: ora spera in Obama, spiega alla France Presse che ha realizzato questo servizio fotografico




Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest!
PostPosted: Sat Apr 18, 2009 4:40 pm 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
ennesima protesta contro i rom in rep ceka:



Image

Image


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest!
PostPosted: Tue May 05, 2009 9:32 am 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
la "tranquilla" svezia e la propaganda dei nostri media, notate come la colpa è dei musulmani/disoccupati/terroristi/disturbatori della quiete pubblica:

Image

Malmö, il ghetto ribelle degli stranieri che mette in crisi il modello svedese
Un residente su tre è musulmano. Quasi tutti sono disoccupati

MALMÖ — «Io? Sono di Gaza». Rani, 15 an­ni, strizza l’occhio agli amici che gli si fanno intorno a semicerchio, come se volessero pro­teggerlo da una minaccia incombente. Si chia­mano Mohammed, Ali, Hata, Isak. Tutti coeta­nei. Età da medie, al massimo liceo. «A scuola? Ma no, nessuno di noi ci va. Tempo perso». La stessa domanda, provoca identica risposta: so­no di Ramallah, Il Cairo, Sarajevo. Bisogna insi­stere. E allora rispondono con le voci che si so­vrappongono, in una primavera nordica solo annunciata: «Certo che siamo nati a Rosen­gard: ma questa non è mica casa nostra».



Periferia orientale di Malmö. Palazzi gettati come mattoncini a formare isole tanto ordina­te quanto slegate l’una dall’altra, cemento a vi­sta: uno dei tanti progetti che, sulla carta, ne­gli anni Sessanta e Settanta, dovevano risolve­re una volta per tutte il «problema casa» della classe operaia più viziata d’Europa. Oggi i lavo­ratori svedesi sono una minoranza minacciata più dall’incedere dell’immigrazione islamica che dalla crisi economica. «Non c’è più posto per noi», spiega con un sorriso a mezza bocca Anders Püschel, al momento «disoccupato». Non c’è più posto per nessuno, a giudicare da­gli ultimi eventi. A Rosengard, dove Ibrahimo­vic ha imparato prima a fare a botte poi a cal­ciare il pallone, la sera, non si esce di casa. I poliziotti sono diventati il bersaglio preferito di Intifade istantanee: sassaiole sulle auto di pattuglia che tornano in rimessa ammaccate, come se avessero attraversato un campo profu­ghi palestinese con le insegne dell’esercito di Israele bene in vista.


a questo giornalista terrorista piace riportare l'esempio dei poveri israeliani violentati dai cattivi arabi usurpatori...

Ogni sera, da mesi, casso­netti, cabine, e qualunque struttura pensata per la città si trasformano in roghi appiccati da molotov lanciate direttamente dal salotto di casa. I vigili del fuoco, stanchi di diventare il bersaglio preferito dopo gli agenti, hanno de­ciso di ritirarsi dal loro Forte Apache, la caser­ma di Rosengard. Henrik Persson, il coman­dante della stazione dei pompieri del quartie­re, si è appena dimesso: «Nessuno mi ascolta, nessuno ci aiuta. Non ha senso continuare co­sì ». Persson ha raccontato che, a una recente riunione operativa, un dirigente della polizia lo ha messo in guardia: «Preparatevi a vedere lanciare le molotov contro di voi». Ma a una richiesta di fondi e rinforzi, spiega ancora Pers­son, «ho ricevuto un netto rifiuto». Dall’oppo­sizione, la consigliera centrista Anja Sonesson chiede «l’imposizione immediata di un copri­fuoco per arginare l’ondata di violenza. I ragaz­zini con meno di 18 anni non dovrebbero usci­re dopo le 9 di sera». Per il momento, i social­democratici, la maggioranza, resistono: «Sa­rebbe la fine della democrazia, del sistema sve­dese ». Il sindaco Ilmar Reepalu è convinto che una misura così drastica accentuerebbe «il ca­rattere di enclave a se stante del quartiere. Al contrario noi dobbiamo cercare di unire Ro­sengard al resto della città, farne un zona resi­denziale come le altre».

Malmö, terza città della Svezia, capoluogo della prospera Scania, porto sull’Öresund con un passato di traffici che non torneranno più, ha 270 mila abitanti, centomila dei quali stra­nieri, per lo più concentrati a Rosengard e din­torni. Come dire, un residente su tre è musul­mano. Molti vengono dai Balcani, dall’Africa, dall’Asia centrale. «Ci sono cento e più nazio­nalità nel quartiere — spiega Stefan Alfelt, cor­rispondente locale di Aftonbladet, uno dei principali quotidiani nazionali —. Pochi di lo­ro hanno un’occupazione. In alcune zone i sen­za lavoro sono addirittura l’86% degli adulti. I giovani crescono osservando i genitori che vi­vono di carità pubblica. Sanno di essere senza speranza e si comportano di conseguenza: fan­no la guerra».

giornalisti terroristi :!: ...infami *******i :!: ci parlino delle VERE guerre :!: quelle dimenticate in africa, in asia, quelle dove migliaia di cittadini vengono uccisi con le armi finanziate dal bravo mondo occidentale e capitalista :!: :!:

Curiosamente, non è un conflit­to «Rosengard contro gli altri». «Gli scontri ra­ramente superano i confini del quartiere — di­ce ancora Alfelt —. È una guerra civile locale: tutti contro tutti». In realtà, qualche volta la violenza lascia Ro­sengard e si sposta verso il centro elegante, l’isola pedonale dove si affacciano vetrine e ri­storanti ancora affollati nonostante la crisi.

Ai primi di marzo è bastato l’arrivo della naziona­le israeliana di tennis, impegnata in Coppa Da­vis contro la Svezia, proprio a Malmö, a far in­sorgere la comunità islamica, in quell’occasio­ne alleata dei centri sociali svedesi e i black blok di tutta Europa.
Un mix esplosivo che la polizia ha affrontato a modo suo. Con le manie­re forti: cariche a cavallo, botte da orbi e pisto­le impugnate contro i dimostranti. :shock: :evil:

prima parlavano di democrazia...


Inutile par­lare di integrazione, a Rosengard. Il modello sociale svedese? «Non spetta a me interpretare la politica del governo», ci ha detto il sindaco Ilmar Reepalu, socialdemocratico, facendo in­tendere che lui, la sua città, vuole continuare ad amministrarla come se il welfare scandina­vo non fosse superato dalla realtà. Certo «dob­biamo iniziare a progettare qualcosa di diver­so. Ne va della tranquillità di tutti». Solo una questione di ordine pubblico, allo­ra? La polizia, conclude il portavoce Lars-Hakan Lindholm, «sa esattamente cosa fare e lo farà». Il punto è: per quanto, ancora?


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest!
PostPosted: Tue May 05, 2009 10:16 am 
Offline
Site Admin
User avatar

Joined: Thu Feb 19, 2009 5:26 pm
Posts: 513
Location: this world
avevo dimenticato il nome del "giornalaio"...

Malmö, il ghetto ribelle. In crisi il modello svedese
07:53 ESTERI Un residente su tre è musulmano. Quasi tutti sono disoccupati di Paolo Salom



paolo salom...mi pare un bel nome "stellare" :roll:

SALAMON SALAMONE SALAMONI SALOMON SALOMONE SALOMONI Salamon e Salomon, molto raro, sono tipici del trevigiano, Salamone è specifico della Sicilia, Salamoni rarissimo è forse un errore di trascrizione di Salomoni che ha un nucleo nel bolognese ed uno nel bresciano e veronese, Salomone è diffuso in tutto il sud, ma in particolar modo in Campania, questi cognomi derivano tutti dal nome ebraico Shelam (pacifico).


peccato che non abbiano chiesto ad un arabo di scrivere un articolo sulle violenze nelle periferie israeliane :evil: :evil: :evil:


Top
 Profile E-mail  
 
 Post subject: Re: protest!
PostPosted: Wed May 06, 2009 2:49 pm 
Offline

Joined: Mon Feb 23, 2009 11:41 am
Posts: 39
---------
pensa che obiettività di pensiero...
salomon?!


Top
 Profile E-mail  
 
Display posts from previous:  Sort by  
Post new topic Reply to topic  [ 9 posts ] 


Who is online

Users browsing this forum: No registered users and 1 guest


You cannot post new topics in this forum
You cannot reply to topics in this forum
You cannot edit your posts in this forum
You cannot delete your posts in this forum
You cannot post attachments in this forum

Search for:
Jump to:  
cron

Free Forum Hosting · php-BB© · Internationalization Project · Report abuse · Terms Of Use/Privacy Policy
© Forums-Free.com 2009